Pensione di reversibilità vedovile

Condizioni per ottenere una pensione di reversibilità vedovile

Il diritto alla pensione di reversibilità vedovile è legato al soddisfacimento delle condizioni generali e speciali. Le condizioni generali devono essere soddisfatte da parte della persona deceduta assicurata o del beneficiario di determinati diritti derivanti dall’assicurazione pensionistica e di invalidità, invece quelle speciali da parte della vedova o vedovo.

A. Condizioni generali da parte del deceduto

Se il deceduto era assicurato, le condizioni sono considerate soddisfatte da parte sua se:

  • soddisfava le determinate condizioni della ZPIZ-2 per l’ottenimento dei diritti di pensione di anzianità anticipata, o di vecchiaia o una pensione di invalidità. La sua morte viene considerata come l'insorgere di una invalidità di categoria I.

Se il deceduto era il beneficiario dei diritti, le condizioni sono considerate soddisfatte da parte sua se ha percepito:

  • una pensione di anzianità anticipata, o di vecchiaia o una pensione di invalidità derivante dall’assicurazione obbligatoria, o
  • ha usufruito dei diritti in base alla invalidità derivante dall’assicurazione obbligatoria.

Se l'assicurato o il beneficiario dei diritti è morto per infortuni sul lavoro o per una malattia professionale, la vedova o il vedovo ottiene il diritto ad una pensione di reversibilità vedovile, indipendentemente dal numero di anni di servizio maturati dal deceduto!

Anche una delibera con efficacia giuridica di dichiarazione della sua morte, ha gli stessi effetti della morte dell'assicurato o del beneficiario dei diritti nel determinare le condizioni per l’ottenimento del diritto alla pensione di reversibilità vedovile.

B. Condizioni speciali

LA VEDOVA o IL VEDOVO

La vedova o il vedovo ottiene per norma il diritto alla pensione di reversibilità vedovile, se:

1. ha compiuto 56 anni, e

2. indipendentemente dall’età se:

  • è stato/a fino alla morte dell'assicurato o del beneficiario dei diritti completamente inabile al lavoro o se lo è diventato/a entro un anno dopo la sua morte, o
  • dopo la morte dell’assicurato o del beneficiario dei diritti gli/le ha lasciato  un bambino o più bambini che hanno il diritto alla  pensione di reversibilità familiare e la vedova o il vedovo è tenuta/o sostenerli. Nel caso in cui durante l’ottenimento dei diritti ottenuti in tal modo alla pensione di reversibilità sia diventata/o del tutto inabile al lavoro, mantiene il diritto alla pensione fino a quando le/gli viene attribuita tale incapacità.

Se la vedova o il vedovo ha compiuto 56 anni  durante il diritto alla pensione di reversibilità vedovile, acquisito a prescindere dalla sua età (per incapacità totale al lavoro o per il bambino che ha diritto alla pensione di reversibilità familiare che è tenuto a sostenere), conserva questo diritto in modo permanente. Se invece la pensione di reversibilità vedovile ottenuta in tal modo ha cessato di valere prima del compimento dell'età di 56 anni, la può far di nuovo valere al raggiungimento di questa età se le/gli era cessato il diritto alla pensione di reversibilità vedovile dopo aver già compiuto i 51 anni di età.

3. La vedova o il vedovo possono eccezionalmente ottenere il diritto a una pensione di reversibilità vedovile solo dopo la scadenza del periodo di attesa se fino alla morte dell'assicurato o del beneficiario dei diritti di assicurazione pensionistica  e di invalidità non ha ancora compiuto 56 anni di età ma ne ha già compiuto 51 anni. Il periodo di attesa dura fino al compimento di 56 anni  di età.

Una vedova può ottenere la pensione di reversibilità vedovile anche se il figlio, avuto con l’assicurato deceduto ovvero col beneficiario dei diritti, è nato non oltre 300 giorni dopo la sua morte.

Dopo la morte dell'assicurato o del beneficiario dei diritti si ottiene il diritto a una pensione di reversibilità vedovile alle condizioni stabilite per la vedova o il vedovo, tra cui:

  • se il coniuge divorziato gode del diritto agli alimenti stabilito da un ordine del tribunale o di un accordo di cui ha beneficiato fino alla sua morte. Se ha il diritto a una pensione di reversibilità vedovile anche il coniuge di un matrimonio successivo o di un partner extraconiugale, il coniuge divorziato ottiene il diritto a una pensione di reversibilità vedovile come co-beneficiario,
  • la persona che negli ultimi tre anni ha vissuto prima della sua morte con lui in comunità familiare come convivente che, secondo la normativa che regola il matrimonio e le relazioni familiari, agli effetti legali è pari all’unione matrimoniale, o se in tale comunità ha vissuto con il deceduto l'ultimo anno prima della sua morte e se hanno avuto insieme qualsiasi figlio in comune,
  • il partner iscritto nella comunità familiare di partner dello stesso sesso.

Il beneficiario alla pensione di reversibilità vedovile non può ottenere tale diritto se è stato condannato con una sentenza passata in giudicato per il reato di omicidio premeditato dell’assicurato!

Orari di apertura e contatti

 

Istituto per l'assicurazione pensionistica e di invalidità di Slovenia 
Via Kolodvorska 15, Lubiana

Telefono
Fax
+386 1 474 51 00
+386 1 432 10 46
Indirizzo elettronico informacije@zpiz.si
Lunedì e martedì
Mercoledì
Venerdì
8-12 e 13-15
8-12 e 13-17
8-13
Segreteria telefonica +386 1 474 56 92
Informazioni relative ai pagamenti delle pensioni +386 1 474 56 50